Casa Grimani Buttari: concorso per Operatori Socio Sanitari (OSS)

La Casa Grimani Buttari di Osimo, in provincia di Ancona (Marche), ha indetto un concorso per OSS.

Prevista l’assunzione a tempo indeterminato di tre, elevabili a dieci, Operatori Socio Sanitari – Cat. B3.

La domanda di partecipazione deve essere presentata entro il 21 Giugno 2021. Di seguito il bando e tutte le informazioni.

REQUISITI

I candidati al concorso per OSS Casa Grimani Buttari devono essere in possesso dei requisiti di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o appartenenza ad altre categorie previste dal bando;
  • età non inferiore agli anni 18 e non superiore a quella prevista dalla normativa vigente per il collocamento a riposo;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • immunità da condanne penali che, ai sensi delle vigenti leggi, costituiscono incapacità alla nomina e/o alla prosecuzione del rapporto di impiego presso una amministrazione pubblica;
  • godimento dei diritti civili e politici (o non essere incorsi in alcune delle cause che, a norma delle vigenti disposizioni di legge, ne impediscono il possesso);
  • assenza destituzione, dispensa dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
  • non essere stati dichiarati decaduti da altro impiego presso una pubblica amministrazione per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati di invalidità non sanabile;
  • attestato di Operatore Socio Sanitario;
  • assolvimento degli obblighi militari imposti dalla legge sul reclutamento (per i candidati di sesso maschile nati entro il 31-12-1985);
  • conoscenza della lingua italiana, adeguata alla posizione funzionale da conferire.

SELEZIONE

I candidati saranno giudicati attraverso due prove d’esame, una scritta e una orale, vertenti sulle materie indicate nel bando.

CASA GRIMANI BUTTARI

Nata dalla trasformazione dell’IPAB Fondazione Grimani Buttari, l’Azienda Pubblica dei Servizi alla Persona Grimani Buttari – Residenze per Anziani ha sede a Osimo, nella provincia di Ancona, ed è stata istituita nel 1875 grazie alla volontà del Conte Filippo Buttari con Testamento datato 2 Febbraio 1869. La struttura si rivolge prevalentemente ad anziani.

DOMANDA DI AMMISSIONE

Per partecipare al concorso per OSS Casa Grimani Buttari è necessario presentare la domanda di ammissione, redatta secondo il seguente MODELLO (Doc 61 Kb), alla sede della Grimani Buttari – via Flaminia II, 111 – 60027 – Osimo (AN) entro le ore 12,00 del 21 Giugno 2021 tramite le seguenti modalità:

– trasmissione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento;
– mediante PEC dalla casella di posta elettronica certificata di cui è titolare il candidato esclusivamente alla casella di posta elettronica certificata: buttari.pec@legalmailpa.it.

Alla domanda è necessario allegare la copia fotostatica di un documento d’identità in corso di validità.

Ogni altro dettaglio sulle modalità di presentazione della domanda di ammissione è indicato nel bando che rendiamo disponibile di seguito.

BANDO

Gli interessati al concorso per OSS Casa Grimani Buttari sono invitati a leggere attentamente il BANDO (Pdf 351 Kb) di selezione, pubblicato per estratto sulla GU n.40 del 21-05-2021.

Le successive comunicazioni in merito alle procedure concorsuali e alle graduatorie finali saranno pubblicate sul sito internet nella sezione ‘News’.

Come entrare in Marina Militare? Bando, requisiti e posizioni aperte

Entrare in Marina Militare è un’opportunità unica per tutti i diplomati o laureati che cercano un’esperienza lavorativa professionalizzante nella pubblica amministrazione.

È difficile entrare in Marina? Il processo di selezione è lungo e comprensivo di varie fasi, ma le posizioni aperte sono moltissime e ci sono possibilità per tutte le età e i titoli di studio.

Vediamo allora in breve attraverso una guida utile e chiara come entrare in Marina Militare e quali sono i requisiti necessari per inoltrare la propria candidatura.

Il corpo della Marina Militare viene istituito nel 1946 e costituisce una delle quattro forze armate della Repubblica Italiana, insieme all’Esercito Italiano, l’Aeronautica Militare e l’Arma dei Carabinieri: i compiti della Marina sono il controllo e la condotta delle operazioni navali nelle acque territoriali ed internazionali.

La Marina Militare è suddivisa in sette corpi, ecco quali sono in ordine gerarchico:

  • Corpo di stato maggiore (SM);
  • Corpo del genio navale (GN);
  • Corpo delle armi navali (AN);
  • Corpo sanitario militare marittimo (SAN);
  • Corpo di commissariato militare marittimo (CM);
  • Corpo delle capitanerie di porto – Guardia Costiera (CP);
  • Corpo degli equipaggi militari marittimi (CEMM).

Se volete entrare nella Marina Militare e avete un’età compresa tra i 17 e 38 anni consultate la nostra guida.

Se avete il diploma di Scuola Secondaria Superiore potete tentare l’accademia ufficiali fino a 22 anni non compiuti, altrimenti fino a 26 anni è possibile partecipare al concorso pubblico per marescialli sempre con il diploma.

Anche con la terza media si può entrare in Marina, è possibile trascorrere un anno in ferma prefissata e quindi partire da marinaio. Da lì poi devi è possibile accedere ad altri concorsi per aumentare prima la ferma ad altri 4 anni, sarà poi necessario prendere parte ad un altra selezione tramite concorso dopo i 4 anni trascorsi di ferma per rimanere in servizio permanente.

Il percorso per entrare in Marina è lungo, ma remunerativo e altamente stimolante. Abbiamo appena accennato alcune possibilità per diplomati alla prima esperienza, ma vediamo nel dettaglio tutte le posizioni disponibili e i vari requisiti necessari.

Entrare in Marina Militare diplomati e non: opportunità di lavoro e requisiti

Ogni anno intorno al mese di dicembre viene pubblicato il bando di concorso che permette l’accesso in Accademia della Marina Militare.

Questo è il primo passo per tutti i diplomati e non che intendono entrare a far perte del Corpo della Marina.

Il bando di concorso è consultabile e scaricabile sul sito della Difesa, sul sito della Marina Militare o sul sito della Gazzetta Ufficiale.

Ma quali sono i requisiti necessari per entrare in Marina?

Stando a quanto riportato sul sito istituzionale della Marina ecco quali sono i requisiti fisici:

  • Statura non inferiore a: metri 1,65 e non superiore a metri 1,95 se di sesso maschile, metri 1,61 e non superiore a metri 1,95 se di sesso femminile;
  • Apparato visivo: visus corretto 10/10 in ciascun occhio, dopo aver corretto con lenti ben tollerate il vizio di rifrazione che non dovrà superare 1,75 diottrie per la miopia, 2 diottrie per l’ipermetropia, 0,75 diottrie per l’astigmatismo di qualsiasi segno e asse;
  • Apparato uditivo: la funzionalità uditiva sarà saggiata con esame audiometrico tonale liminare in camera silente;
  • Dentatura: dovrà essere in buone condizioni.

Sono, inoltre, causa di inidoneità i disturbi della parola (balbuzie, dislalia e paralalia), anche se in forma lieve.

Per quanto riguarda i requisiti accademici e i titoli di studio necessari per entrare in Marina, se si è in possesso di un diploma:

  • Ufficiali Corsi Normali fino a 22 anni;
  • Ufficiali in Ferma prefissata fino a 38 anni;
  • Ufficiali Piloti di Completamento fino a 23 anni;
  • Allievi Marescialli fino a 26 anni.

Se invece siete in possesso di una laurea ecco le posizioni aperte per fare domanda:

  • Ufficiali Ruoli normali a nomina diretta fino a 32 anni;
  • Ufficiali in ferma prefissata fino a 38 anni;
  • Ufficiali Ruoli speciali tra i 32 e i 40 anni;
  • Marescialli nomina diretta.

Quanto studiare per entrare in Marina? Le fasi concorsuali presentano una difficoltà tale da prevedere una preparazione didattica di almeno 8/12 mesi.

CONCORSO INTERNO 550 ALLIEVI MARESCIALLI GUARDIA DI FINANZA 2021

I 550 posti del Concorso Interno Allievi Marescialli Guardia di Finanza 2021 sono così ripartiti:

  • 525 posti del Contingente Ordinario, di cui:
    • 263 riservati agli appartenenti al ruolo sovrintendenti (di cui 3 posti riservati ai candidati in possesso dell’attestato di bilinguismo, riferito al diploma di istituto di istruzione secondaria di secondo grado o superiore)
    • 262 riservati al personale del ruolo appuntati e finanzieri (di cui 3 posti riservati ai candidati in possesso dell’attestato di bilinguismo, riferito al diploma di istituto di istruzione secondaria di secondo grado o superiore)
  • 25 posti del Contingente di Mare, di cui:
    • 13 riservati agli appartenenti al ruolo sovrintendenti
    • 12 riservati al personale del ruolo appuntati e finanzieri

REQUISITI DEL CONCORSO

Possono partecipare al Concorso Interno 550 Allievi Marescialli Guardia di Finanza 2021:

a) gli appartenenti al ruolo sovrintendenti che:

• abbiano riportato, nell’ultimo triennio, la qualifica almeno di “superiore alla media” o giudizio equivalente
• non abbiano riportato, nell’ultimo biennio, sanzioni disciplinari più gravi della consegna
• non siano stati giudicati, nell’ultimo biennio, “non idonei” all’avanzamento al grado superiore
• siano in possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione ai corsi universitari. Possono partecipare anche coloro che lo conseguano entro l’anno scolastico 2020/2021.

b) gli appartenenti al ruolo appuntati e finanzieri che, oltre a possedere i requisiti di cui alla lettera a), abbiano compiuto almeno 5 anni di servizio nel Corpo

Tutti gli altri requisiti specifici possono essere consultati leggendo il Bando di Concorso.

DOMANDA AL CONCORSO

La domanda di partecipazione al Concorso Interno 550 Allievi Marescialli Guardia di Finanza 2021 potrà essere presentata entro e non oltre le ore 12 del 14 Giugno 2021 seguendo la procedura online disponibile all’interno del Portale dei Concorsi della Guardia di Finanza della Guardia di Finanza ed esplicitata sul Bando di Concorso.

PROVE DEL CONCORSO

Lo svolgimento del Concorso Interno 550 Allievi Marescialli Guardia di Finanza 2021 prevede:

a) prova scritta, consistente in un questionario a risposta multipla contenente domande volte ad accertare le conoscenze orto-grammaticali e sintattiche della lingua italiana oltre che di cultura giuridica e tecnico-professionale
b) valutazione dei titoli
c) prova orale su materie tecnico-professionali